Contatti:

Via Alberico Albricci, 7 - 20122 Milano
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Chiamaci:

02 645 6661

Framed multi-purpose joomla template

Come il bullismo tradizionale è una forma di prevaricazione e di oppressione reiterata nel tempo, perpetrata da una persona o da un gruppo di persone più potenti nei confronti di un’altra percepita come più debole, in genere nel gruppo dei pari..

CYBERBULLISMO COS'È

Il CYBERBULLISMO è una forma di prepotenza virtuale attuata attraverso l’uso di internet e delle tecnologie digitali.

Come il bullismo tradizionale è una forma di prevaricazione e di oppressione reiterata nel tempo, perpetrata da una persona o da un gruppo di persone più potenti nei confronti di un’altra percepita come più debole, in genere nel gruppo dei pari.

CYBERBULLISMO UN FENOMENO IN CRESCITA

IL BULLISMO NON RISPARMIA NEANCHE LO SPORT!
Il CONI lancia l’allarme:

10%

in Italia il 10% dei ragazzi delle scuole italiane è stato vittima di bullismo in ambienti sportivi

15%

Il 15% di loro è vittima di cyberbullismo

35%

Il 35% di loro è anche vittima di bullismo a scuola

15%

Il 15% degli adolescenti è stato preso in giro o ha subito scherzi nello spogliatoio, di cui il 75% sono maschi

22%

Il 22% dei casi sono adolescenti presi in giro mentre fanno sport perché non prestanti o poco dotati

50%

Il 50% di loro subisce angherie anche a scuola

40%

4 minori su 10 sono testimoni di atti di cyberbullismo verso i coetanei

6.9%

Il 6,9% degli 11-13enni dichiara di essere stato vittima una o più volte al mese di prepotenze tramite cellulare

12%

Il 12% dichiara di aver subito prepotenze on-line nella misura da qualche volta a molto spesso

 
12%

Il 12% dei ragazzi riferisce di essersi comportato da cyberbullo almeno qualche volta negli ultimi due-tre mesi e in generale

37%

Il 37% dei ragazzi ammette di aver assistito ad azioni di cyberbullismo da qualche volta a molto spesso negli ultimi due-tre mesi

68%

Il 68% dichiara di essere stato preso in giro per il proprio aspetto fisico

 

Il Professor Luca Bernardo con Casa Pediatrica, nell’ambito del progetto Centro Nazionale Prevenzione Formazione Supporto al Bullismo, cyberbullismo e alle attività illegali in rete, ha avviato una campagna di sensibilizzazione sul cyberbullismo nel calcio per prevenire e curare i fenomeni di bullismo anche nello sport.

IL CONTESTO NORMATIVO

La legge 71/2017 del 18 maggio
“Qualunque forma di pressione, aggressione, molestia, ricatto, ingiuria, denigrazione, diffamazione, furto d’identità, alterazione, acquisizione illecita, manipolazione, trattamento illecito di dati personali in danno di minorenni, realizzata per via telematica, nonché la diffusione di contenuti on line aventi ad oggetto anche uno o più componenti della famiglia del minore il cui scopo intenzionale e predominante sia quello di isolare un minore o un gruppo di minori ponendo in atto un serio abuso, un attacco dannoso, o la loro messa in ridicolo"
(Art. 1 Comma 2).

Framed multi-purpose joomla template

Seguici sulle nostre pagine ufficiali

COS'È PALLA IN RETE

Palla in Rete, ragazzi in rete è la prima campagna per il contrasto al bullismo e al cyberbullismo nell’ambito dello sport, in particolare nel mondo del calcio. Sul palco si alterneranno giocatori di serie A delle maggiori squadre di calcio italiane, insieme per dare un calcio al cyberbullismo.

CONTATTI

Non hai ancora un account? Registrati ora!

Effettua il login